FESTA PATRONALE MAGGIO 1966


La foto che pubblichiamo risale al maggio 1966.
Come molti ricordano la festa patronale in onore della Madonna della Rocca fu spostata nel 1978 al 15 agosto, per permettere ai casalnovesi emigrati nel nord Italia di partecipare al rito religioso.
Come si vede nella foto la partecipazione era considerevole; oggi, invece, anno dopo anno, va scemando sia per lo spopolamento del paese sia per la scelta di mete alternative dove trascorrere le vacanze.

Dom

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | Lascia un commento

La chiesa e l’immagine di Maria SS. di Monterotaro


Questa settimana pubblichiamo il testo originale del racconto sull’origine del culto della Madonna di Monterotaro che tutti possono leggere all’interno della piccola e caratteristica chiesetta del borgo di Monterotaro. Potete ingrandire il testo clikkando sull’immagine.
Secondo il racconto, per espresso volere della Madonna apparsa in sogno ad Arcangelo Zeoli e Giuseppe Caiola, la festa in onore di Maria SS. di Monterotaro doveva essere festeggiata tutti gli anni il giorno 27 maggio.
Ancora oggi la festa viene celebrata come da tradizione con il solo rito religioso della celebrazione della Santa Messa e la processione dei fedeli fino ai piedi della torre di Monterotaro.
Dopo questa settimana il blog va in ferie. L’appuntamento con i nostri amici è per il mese di settembre con i nuovi articoli del Prof. Santomarco.
Buone vacanze.

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | Lascia un commento

SACERDOTE DON VINCENZO ARIANO


L’immagine che rappresenta il nostro paese è un quadro realizzato con maestria nell’anno 1953 dal nostro compaesano, ormai defunto, sac. Don Vincenzo Ariano che, oltre ad essere pastore delle anime, fu bravissimo artista. Basti qui ricordare il famoso restauro della statua dedicata alla nostra protettrice Maria SS.della Rocca, che nel dopoguerra subì un incendio.
Ma chi era Don Vincenzo Ariano?
Nacque a Casalnuovo Monterotaro (FG) il 30 giugno 1891 e morì il 25 maggio 1967, dopo 50 anni di vita sacerdotale dedicata al nostro amato paese.
Fu umile sacerdote e pittore, vicino alla gente, di cui ebbe profonda conoscenza e rispetto.
Fu amico di tutti senza distinzione di classe e titolo, umile,semplice e buono. Per tutti fu il prete della chiesa dedicata alla Madonna della Rocca, dov’era solito recarsi ogni domenica per celebrare messa.
Amante della cultura, dell’arte e della musica, dipinse innumerevoli quadri che ritraggono paesaggi, nature morte
e figure religiose, alcuni dei quali sono tuttora presenti nella chiesa del paese.

Dom

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | 1 commento

GRUPPO RICAMATRICI 1947


In questa foto si vede un gruppo di ricamatrici con le loro insegnanti (M.Fiore e F.Veneziano) che hanno trasmesso a diverse generazioni l’arte del ricamo.
Alcune ragazze imparavano a ricamare per preparararsi il corredo, altre ricamavano per guadagnare. La stoffa veniva sistemata ben tesa su un telaio dopo che si erano riportati, tramite carta copiativa, i disegni da realizzare; a questo punto la ricamatrice li riempiva con fili colorati. Erano necessarie esperienza, precisione e molta pazienza per far nascere su lenzuola, tovaglie, copriletti, cuscini…disegni bellissimi.
I nuovi ritmi di vita non si conciliano più con questa tradizione ed oggi sono poche le donne che conoscono ancora l’arte del ricamo.
Dom

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | 1 commento

TORNEO ESTIVO 1948


Un’altra foto della squadra di calcio del nostro paese che risale all’estate del 1948, mentre era impegnata nel torneo estivo.
Si giocava su un campo adattato, nei pressi del cancello “Canelli”. Nicola La F., assiduo lettore del blog, ricorda che, per giocare, bisognava aspettare la mietitura.
“Il sig. M.Celeste liberava un pezzo di terra più o meno per due mesi e dava la possibilità ai ragazzi di Casalnuovo di giocare. La domenica era grande festa per tutto il paese… “Jam a V’dè a Partit du Pallon Ca a Pret’”.
Dalla foto sono riconoscibili alcuni calciatori:
A.Esposito, A.Celeste, A.Amore, M.Olivieri, D.Torre.
Il punto di ristoro era gestito da un certo De Vita che vendeva le bottigliette di gassosa con una pallina all’interno e che produceva lui stesso.

DOM

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | 4 commenti

TERZA ELEMENTARE ANNO SCOLASTICO 1958-59


Probabilmente non tutte le ragazze di questa foto (oggi mamme e forse anche nonne) ricorderanno i volti di tutte le compagne di scuola, ma di sicuro non faranno fatica a riconoscere la loro maestra De Benedittis che ha forgiato generazioni di ragazze per circa quarant’anni.
Maestra severa e preparata, esperta di scienze, amante della pittura ha trasmesso le sue passioni a molte sue allieve e anche ad una delle nipoti, diventata affermata pittrice.
Siamo certi, che guardando questa foto, molte di loro saranno felici nel rivedersi bambine sotto lo sguardo materno dalla loro ex-cara maestra.

Dom

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | 1 commento

AZIONE CATTOLICA FEMMINILE FINE ANNI 30


Di questa foto possiamo dire ben poco. Risale agli anni trenta e ritrae un gruppo di ragazze che frequentavano un corso di ricamo presso le suore.
La comunità delle religiose fu istituita il 24 ottobre 1927 per volontà del vescovo di Lucera mons. De Girolamo e dell’arciprete don Vincenzo Parente. La loro sede si trovava presso la vecchia chiesa della “Cappella”.
Le consorelle insegnavano nella scuola materna, praticavano la catechesi e conducevano corsi di cucito e di ricamo frequentati da molte ragazze del nostro paese.

Dom

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | Lascia un commento

ELISOCCORSO NEVICATA FEBBRAIO 1956


Dal 4 febbraio 1956, per venti giorni consecutivi, Casalnuovo M. fu colpita da una tormenta di neve e da una ondata di gelo che misero in “ginocchio” tutta la Puglia.
Neve e vento misero fuori uso numerosi tralicci elettrici; le strade rimasero bloccate, i viveri incominciarono ascarseggiare e i forni, avevando esaurito le scorte di paglia, non potevano più fornire il pane. Si rese necessario l’intervento di un elicottero, per trasportare, presso gli Ospedali Riuniti di Foggia, una donna che aveva avuto complicazioni durante il parto.
Il comandante della stazione carabinieri M.llo Scalera ottenne l’intervento di uno dei primi elicotteri Augusta-Bell che atterrò nella piana nei pressi della masseria Maselli, come si vede nella foto.

Dom

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | 1 commento

CASALNUOVO M. VIA S. LUIGI ANNI 60


Dalla foto si vede com’era prima degli anni ’60 via S. Luigi. Da piazza Municipio, andando verso via C. Battisti, si vede il Consorzio Agrario.
Questo Ente, dal 1957 fino al 1959, acquistò da vari proprietari il terreno per la costruzione della struttura che occupa una superfice di circa 1.000 mq.e che venne completata nel 1967.
Fu a servizio di molti agricoltori sia del nostro paese che di quelli limitrofi. Dal 1970 in poi la via si popolò di nuove costruzioni ad uso abitativo; nacque un nuovo quartiere fino a raggiungere quasi il rione “Cappella”.
Dom

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | Lascia un commento

LA VECCHIA FONTANA CON L’ABBEVERATOIO


Dopo anni di ricerche sono riuscito a trovare una foto che ritrae la Fontana com’era una volta; c’e anche l’abbeveratoio ormai scomparso.
Secondo alcuni anziani che ricordano quanto detto dai loro padri, sembra che nel punto dove sorge la fontana scorresse un ruscelletto che forniva acqua per bere e lavarsi.
Nel 1843 fu costruita la “Fontana” per permettere l’approvvigionamento dell’acqua alla popolazione casalnovese. Non era l’unica a fornire l’acqua; si aggiungeva ad altre già presenti: Ciampanella, Fontana Pelliccia, S. Vito, Caccetta, e ad alcuni pozzi: Rossetti, Nescia, Don Pasquale ed altri.
Sulla fontana furono scolpiti alcuni versi di buon auspicio:
“Correte all’ onda o vergini. Limpido e fresco è il fonte.
Costò non poco il traggerla dal sen di alpestre monte.
Correte all’ onda impavide, sebbene ombroso in parte
Fugga l’idea di Silvia col favoloso Marte”.

I versi, come riferito da un vecchio amministratore comunale, appartenevano al nostro concittadino Ernesto Mandes, poeta, avvocato e politico, nato a Casalnuovo Monterotaro nel 1874 e scomparso a San Severo, dove viveva, nel 1959.
La vecchia strada fatta con brecciame e selcioni che portava alla “Fontana” fu progettata e realizzata dall’Ing. G. Mandes nel 1915; il costo dell’opera fu di lire 2.000.
L’attuale strada realizzata negli anni ’70 è opera dell’amministrazione Palmieri.

Saluti Dom

Pubblicato in Storia di Casalnuovo | 10 commenti